Disponibilità del broncoscopio

L'indisponibilità del broncoscopio è un ricordo del passato

 

 

Il mancato accesso a un endoscopio flessibile può avere conseguenze tragiche

Nel marzo 2011, il 4° National Audit Project (NAP4) del Royal College of Anaesthetists e della Difficult Airway Society ha pubblicato una rassegna esaustiva delle principali complicanze nella gestione delle vie aeree riportate nel Regno Unito nel corso di un anno.

L'insufficiente disponibilità di attrezzature per la gestione delle vie aeree difficili in sala operatoria, pronto soccorso e terapia intensiva è stata individuata come uno dei fattori principali di esiti insoddisfacenti nella cura dei pazienti.1

Il 50% delle complicanze alle vie aeree in terapia intensiva porta alla morte2

36

Casi di vie aeree in terapia intensiva

4

Casi di danni cerebrali

11%

DANNO NEUROLOGICO IRREVERSIBILE

18

decessi

=50%

con decesso

Raccomandazioni fondamentali NAP4

Le conseguenze del mancato accesso a un broncoscopio flessibile possono essere fatali per il paziente. Pertanto, le raccomandazioni basate sul sondaggio NAP4 includono1:

  • checkinvestimento in attrezzature di visualizzazione adeguate
  • checkimplementazione di piani di formazione adeguati

Un fibroscopio flessibile deve essere immediatamente disponibile in UTI per controllare la posizione dei tubi tracheali/di tracheostomia e assistere nell'intubazione a fibre ottiche o nel posizionamento durante la tracheostomia percutanea.

— Raccomandazione NAP4 per UTI1

Il Dott. Mark Dunn illustra la necessità di disporre di broncoscopi sempre disponibili e pronti all'uso.

Sempre sterile. Sempre disponibile.

aScope 4 Broncho sterile monouso migliora la sicurezza del paziente e il flusso di lavoro perché è sempre disponibile quando necessario.
 

Vedi i prodotti

 

Pianificazione delle procedure di broncoscopia

Pensaci: hai sempre accesso immediato a un broncoscopio flessibile quando ne hai bisogno durante la giornata lavorativa? Ed è diverso di notte e nei fine settimana?

In molte UTI la pratica standard è quella di richiedere una colonna per broncoscopia e attendere. Ma ogni minuto è importante. L'attesa potrebbe essere di 30 minuti o di diverse ore. Le complicanze sono dovute ai problemi di disponibilità del personale. Chi sarà disponibile nel momento esatto in cui l'endoscopio è pronto?
 

La broncoscopia dovrebbe adattarsi al planning
Pianificazione attuale e pianificazione con aScope 4 Broncho

 

Pianificazione attuale

Immagina di voler effettuare quattro broncoscopie in un giorno. Riusciresti a programmarle tutte? Hai a disposizione endoscopio e personale quando ne hai bisogno? Qual è il tempo di risposta per avere un endoscopio pulito? Se devi aspettare fino a domani, quali saranno le conseguenze nel trattamento dei pazienti?

Pianificazione con aScope 4 Broncho

Adesso immagina di poter programmare le broncoscopie ogni volta che ne hai bisogno. Il sistema per la broncoscopia può essere preparato in pochi secondi. Hai la possibilità di eseguire tutte le procedure al mattino o di rimandarle a più tardi. Anche se si tratta delle 2 di notte, è sempre possibile eseguire una broncoscopia.

Costi dei ritardi in broncoscopia

A causa dell'elevata richiesta, reprocessing e riparazione, i broncoscopi non sono sempre disponibili quando necessario.

In una situazione di emergenza, l'accesso immediato ai broncoscopi è molto importante. Anche pochi minuti di ritardo possono avere conseguenze fatali per un paziente se questo significa non poter mettere in sicurezza le vie aeree.

In terapia intensiva, un ritardo in una procedura di broncoscopia a letto del paziente, come un BAL o la gestione delle secrezioni, può prolungare la degenza del paziente.

In sala operatoria 10 minuti di ritardo chirurgico costano:

350 dollari

 

Bibliografia​

  1. NAP4 - 4th National Audit Project of The Royal College of Anaesthetists and The Difficult Airway Society. Leggere il rapporto completo (PDF)
  2. Cook TM, et al. Major complications of airway management in the UK: results of the Fourth National Audit Project of the Royal College of Anaesthetists and the Difficult Airway Society. Part 2 Intensive Care and Emergency Department. Br J Anaesth. 2011;106:632-42.

 

 

keyboard_arrow_up